Recensione Indiepercui

Schermata 2018-04-08 alle 20.40.33

"Tuffarsi nelle profondità degli abissi ed uscirne asciutti, estrapolando linfa vitale da quel contatto con l’acqua, da quel nostro essere evoluti all’interno di un mondo che ora più che mai ha bisogno di trovare una comunione con il nostro essere, con i nostri sentimenti in un disco dolce amaro, carico di rimandi ad un’epoca che non c’è più e divincolato dalle mode di questo modernismo neo folk."
 
"Valerio Sanzotta intrappola istantanee da grande cantautore attraverso una ricerca estetica affascinante e di certo non piena di soluzioni che possono sembrare facili, anzi, il nostro intensifica poesie che divengono perle di rara bellezza e di rimando creano immagini esemplificative rappresentanti i grandi della musica d’autore italiana degli anni ’70 da De André a De Gregori in un sodalizio continuo tra musica d’autore e sperimentazioni blues. Le canzoni proposte raccolgono un’omogeneità di una proposta davvero importante. Da Per un giorno solo fino alla Title track passando per Gelsomina o Tempesta il nostro intasca una prova dal sapore retrò pur contendendo, con i brani proposti, un gusto per la novità e per l’attualità nel disegnare ambientazioni moderne."

http://indiepercui.altervista.org/valerio-sanzotta-prometeo-liberato-vrec/